The Uncomfortable – Katerina Kamprani

The Uncomfortable – Katerina Kamprani
The Uncomfortable – Katerina Kamprani- teaset

È facile ideare un dispositivo che funzioni bene quando tutto va secondo i piani. La parte più difficilema necessariadel design è far sì che le cose funzionino anche quando qualcosa va storto.”

Donald A. Norman


The Uncomfortable – Katerina Kamprani – thick set

“Il mio obiettivo è quello di decostruire il linguaggio del design invisibile di semplici oggetti di uso quotidiano e modificarne le loro proprietà vitali per sorprendervi e farvi ridere; ma anche per aiutarvi ad apprezzare la complessità e la profondità delle interazioni con il più semplice degli oggetti che ci circondano. Da povero designer ho iniziato il progetto realizzando visualizzazioni concettuali in 3D, ma recentemente ho deciso di spendere tutti i miei risparmi per produrre prototipi, perché cosa sarebbe il mondo se non ci fossero oggetti scomodi là fuori”?

Katerina Kamprani

The Uncomfortable – Katerina Kamprani calici siamesi Champagne Glasses,


Katerina Kamprani con The Uncomfortable, ha creato la sua collezione di oggetti di uso quotidiano per estremisti del design in grado di trasformare azioni banali, quali bere da un bicchiere, in imprese titaniche.

The Uncomfortable – Katerina Kamprani – buttons

Così per esempio risulta impossibile bere dai suoi calici siamesi Champagne Glasses, mangiare una fetta di torta con una forchetta dal manico a catenella… e così via….

The Uncomfortable – Katerina Kamprani – chain fork

Una collezione surreale destinata ai cultori del Design…

The Uncomfortable – Katerina Kamprani

Emozione è oggi una delle parole chiave per il mondo del design. Del resto anche Donald Norman, nel suo libro Emotional Design riconosce che le sue concezioni precedenti, tutte impostate sulla funzionalità e sull’usabilità, erano limitate e limitative: non si può non tenere conto del piacere che ci procurano o meno gli oggetti che usiamo quotidianamente. Quello che ciascuno di noi è, viene determinato anche dagli oggetti che usiamo: li scegliamo, li apprezziamo non solo per la funzione che svolgono ma anche per le sensazioni che ci danno.

The Uncomfortable – Katerina Kamprani -wineglass The Uncomfortable – Katerina Kamprani – wineglass

https://www.theuncomfortable.com/

Fonte: The Uncomfortable – Katerina Kamprani

Serramenti in pvc: la soluzione migliore per ottimizzare l’efficienza energetica

Con l’arrivo dell’inverno è opportuno adottare delle contromisure contro il freddo, capaci di tenere la casa calda ed asciutta evitando così sprechi energetici e bollette da urlo. Le case italiane c’è da dire purtroppo non sono sempre all’avanguardia in questo senso con classi energetiche spesso sconfortanti. In tal senso i serramenti in pvcrappresentano una scelta ideale e sempre più adottata dagli italiani per l’efficientamento energetico della casa. Se hai dei vecchi infissi e serramenti, che non garantiscono più un buon riscaldamento della casa, allora forse è arrivato il momento di sostituirli. Per avere maggiori informazioni su questo argomento ci siamo rivolti a Gioma srl, azienda che si occupa dell’installazione e della distribuzione di serramenti Udine, che ci ha dato utili informazioni per ottimizzare al massimo l’efficientamento energetico in casa.

I serramenti in pvc, soprattutto quelli a taglio termico e con vetri bassoemissivi, sono in grado di garantire un ottimo isolamento termico con una trasmittanza decisamente bassa, riducendo al minimo la dispersione di calore e tenendo la casa calda e asciutta. In questo modo non sarà necessario tenere accesi i riscaldamenti tutto il giorno, ma quel tanto che basta per riscaldare la casa poiché non ci saranno dispersioni di calore. Inoltre i serramenti, tenendo la casa calda 24 ore su 24, rimandano l’accensione dei riscaldamenti anche di un mese, con un intelligente risparmio energetico che si traduce in bollette decisamente più leggere.

vantaggi dei serramenti in pvc non si fermano però alla sola efficienza energetica della casa, in quanto viene garantito anche un notevole isolamento acustico. I serramenti in pvc quindi sono ideali in quelle zone dove c’è un forte inquinamento acustico, con le autostrade, gli aeroporti o i centri cittadini nelle vicinanze. Inoltre le persone che adottano sistemi per migliorare l’efficienza energetica della casa, riducendo i consumi energetici, possono anche accedere all’Ecobonus, che consiste in una detrazione fiscale dell’Irpef con una copertura del 50% dei costi sostenuti. La detrazione prevede l’accredito sul conto corrente del richiedente in 10 rate di uguale importo.

Con l’installazione dei serramenti in pvc si migliora notevolmente il comfort abitativo della casa, ma anche la sicurezza. Molti “topi di appartamento” infatti sono soliti studiare le case da svaligiare, e “operano” in quelle abitazioni dove ci sono vecchi infissi e serramenti facili da scardinare. I modelli di serramenti di ultima generazione invece sono caratterizzati da molteplici punti di chiusura, maniglie con serratura, manici rinforzati e vetri antisfondamento. In questo modo sarà possibile tenere al sicuro la propria casa da ogni tentativo di scasso, furto o effrazione.