“Incredibile Carta” – Daniele Papuli

“Incredibile Carta” – Daniele Papuli

 

SIBILLA DI DANIELE PAPULI

Sono uno scultore e dialogo con le materie, lo spazio, i luoghi.

Carta. Materia viva, vibrante, mutevole.

Daniele Papuli, 1971, Maglie, Puglia, Italia


Vaso di Daniele Papuli Dilmos Milano

“L’ incontro con la carta risale al 1995 dopo aver indagato diversi materiali della scultura con una serie di manufatti in pietra, legno, gesso, seguendo inconsapevolmente un percorso, un passaggio continuo dalla gravità alla leggerezza della forma, dalla solidità alla duttilità della materia. Con lo stesso ‘fare’ che appartiene allo scultore, ossia scavando e ‘levando’, ho assottigliato sempre di più i volumi, anche attraverso forme in resina risolte in ampie superfici bidimensionali, fino ad arrivare alla manipolazione della materia cartacea. Per meglio conoscerla e poterla dominare ho sperimentato la sua produzione, sminuzzando carte di vari tipi, miscelate e ricomposte sul retino con terre, erbe e colori. In questo processo di trasformazione, da cellulosa quasi impalpabile a materia stratificata, sono stato stimolato dall’accumulo e accostamento delle risme originarie, per lo più in strisce e ritagli, utili come materia prima da cui partire. Ho deciso di ‘costruire’ la forma scegliendo proprio il foglio di carta come unità di misura, attratto dalle grammature leggere e grosse, dalle potenzialità strutturali della superficie, da questa materia per me, viva, vibrante e mutevole. Materia con una fisicità ed un piacere tattile apparentemente dissimulato nella sua forma più consueta, piatta, bidimensionale, affidato alla grana e al colore. Con una serie di azioni decisive come il taglio, la scomposizione ed estrapolazione dei volumi cercati, il foglio diventa per me una superficie distesa sulla quale agire. La mia indagine prosegue e si sviluppa attraverso la costruzione di strutture in carta sempre più complesse basate sulla ripetitività dei singoli moduli cartacei. I volumi sono calcolate composizioni lamellari, composti da numerose sagome ottenute con infiniti tagli manuali, una sorta di ‘frattale’ fatto nei modi di uno scultore plastico. Le forme che ne risultano a volte si dischiudono a tutto tondo come piccoli e grandi libri e rivelano dall’interno il segno e il disegno dei molteplici riflessi di luce e ombra. La scultura in questo caso mostra una sorta di dinamismo interno, la curvatura dei fogli ne suggerisce l’andamento e lo sviluppo a tutto tondo; sono queste molteplici variazioni ad interessarmi. Altre volte le forme diventano monoliti cartacei sfaccettati in centinaia di lamelle leggere dove gli strati della materia assomigliano a venature e le mutazioni cromatiche della superficie, che ingiallisce come carta lasciata al sole, fanno parte di un processo di metamorfosi che fa risalire il foglio al legno, all’albero, alla sua materia madre d’origine.  A seconda di come è mossa, toccata, tagliata, la carta mi offre continue ‘visionomie’ e ‘tattometrie’, così ho chiamato, rivendicandone l’origine sensoriale, visiva e tattile, le suggestioni che questa materia è in grado di generare nella sua nuova strutturazione. Il mio fare procede allora con la restituzione di queste esperienze e con il continuo indagare intorno alla scultura, alla sua fisicità, al suo rapporto con lo spazio.”vaso in carta di Daniel


Oggi dedico l’articolo a queste due sculture che ho avuto modo di ammirare da Dilmos a Milano l’anno scorso durante il Salone del Mobile. Testi e foto tratti dal sito di Daniele Papuli che vi invito di andare a vedere. La foto del vaso è stata fatta dalla sottoscritta quest’anno presso la galleria Dilmos di Milano.


Metria shelf/container Daniele Papuli by sito

Volume lamellare a parete di forma angolare realizzato con strisce di carta selezionata per grammatura e colore. L’elemento Metria si inserisce a parete come ripiano di appoggio ma anche come struttura adatta a contenere. 

Metria shelf/container Daniele Papuli by sito

Metria shelf/container


Struttura lamellare di forma angolare, con appoggio a terra, realizzata con strisce di carta selezionata per grammatura e colore. Il volume è dotato di una struttura interna con tre ripiani.

Metria totem/container Daniele Papuli by sito

Metria Totem è un singolo elemento verticale, un totem contenitore e nella composizione con più elementi si trasforma in una parete divisoria modulare.

Metria totem/container Daniele Papuli by sito
Metria totem/container Daniele Papuli by sito

Metria totem/container


Conversazioni poetiche tra differenti materiali
FUORISALONE 2017 GALLERIA DILMOS MILANO

 

http://www.danielepapuli.net/

 

Fonte: “Incredibile Carta” – Daniele Papuli

Come distinguere infissi buoni e quali vantaggi portano

Come distinguere infissi buoni e quali vantaggi portano

Cosa contraddistingue un infisso e una buona posa in opera da una mediocre e come riconoscerle

Il giudizio sul prodotto è dipendente da vari fattori:

a) aspetto estetico;
b) requisiti tecnici e strutturali;
c) componentistica;
d) rispetto delle normative vigenti nel paese di utilizzazione;
e) certificazioni
f) garanzie del produttore e assistenza del fornitore.

L’aspetto estetico è importante per un corretto inserimento dell’elemento nel contesto abitativo, i profili devono risultare ben lavorati, le giunzioni, i tagli e le saldature risultare impercettibili e ben allineate. I fermavetri completi di guarnizione, posati con la massima cura nei punti di contatto. I profili con adeguato numero di camere d’aria, (minimo 5) completi di barra continua di rinforzo strutturale, in acciao zincato certificato dal produttore, sia nel telaio che nelle parti mobili.

Ferramenta di primaria ditta in acciaio con vari punti di chiusura perimetrali, Schede tecniche e certificazioni di ciascun serramento con espressi i valori termici ed acustici del componente, schede tecniche con descrizione delle vetrature installate. Non fidarsi di quei produttori che forniscono un valore unico di trasmittanza termica e isolamento acustico per tutta la fornitura. Le certificazioni devono essere rilasciate da laboratori autorizzati nell’ambito della UE.

Non fidarsi delle certificazioni rilasciate direttamente dai produttori. Garanzie del produttore dei profili e della ditta produttrice dei serramenti. Questi sono sostanzialmente gli elementi che differenziano un buon prodotto da un prodotto mediocre. Per il clima italiano, mutevole da regione a regione, e’ anche di fondamentale importanza che i profili siano estrusi in conformita’ ai requisiti richiesti per la classe S” (clima severo).

La messa in opera del componente è un altro fattore dominante, infatti è sufficiente un’installazione maldestra o carente per vanificare le ottime caratteristiche di un serramento. In prima analisi la posa deve essere effettuata da personale qualificato e con esperienza. Il rilievo effettuato con accuratezza calcolando con esattezza le tolleranze. La messa in opera eseguita su falso telaio in legno o in lamiera con un numero di ancoraggi calcolato secondo le dimensioni del serramento, corrette battute con sigillatura perimetrale e applicazione di schiuma espansiva negli interstizi. Nei casi di classe A dell’edificio con l’ausilio di bandelle isolanti in neoprene biadesivo. Corretta posa dei coprifili.

Il bene immobiliare, anche se bene primario, può essere assimilato a qualsiasi altro strumento di cui l’uomo si è dotato per elevare il suo confort di vita. Come tutti gli altri strumenti, ma forse più di altri, è costituito da varie componenti, alcune più durature, altre che costituiscono i famosi beni di consumo. I serramenti costituiscono una quota molto importante fra i componenti edilizi, infatti consentono di avere un rapporto con l’esterno e nel medisimo tempo di ventilare, illuminare e proteggere le abitazioni dagli agenti esterni che in taluni casi possono apparire decisamente aggressivi.

Per tutta questa serie di motivi i componenti di chiusura esterna devono necessariamente essere in primo luogo di buona qualità e inoltre essere mantenuti negli anni in perfetta efficienza al fine di garantire all’abitazione il grado di protezione indispensabile ad un vivere sereno. Conseguentemente una buona e frequente manutenzione, oltre che un corretto uso, qualsiasi siano le caratteristiche del serramento installato, consentiranno allo stesso di durare negli anni con garanzia di efficienza.

Vero è che avendolo definito “bene di consumo” si presuppone che la vita dei serramenti molto spesso, nonostante la manutenzione, non coincida con la durata dell’edificio nel quale sono installati. E ciò per due motivi principali, il primo come già detto a causa dell’invecchiamento del componente, il secondo in quanto l’utilizzo di nuovi materiali e l’avvento di nuove tecnologie costruttive hanno consentito di creare sistemi innovativi in grado di migliorare le caratteristiche complessive dei serramenti, quali la tenuta all’aria, il contenimento delle dispersioni e di modificare di gran lunga ed efficacemente il grado di isolamento delle abitazioni.

In definitiva l’aggiornamento dei componenti di chiusura esterna, se ancor meglio integrato con un efficace intervento di isolamento a cappotto dell’edificio, possono garantire un piacevole confort di vita oltre che assicurare un contenimento energetico efficiente e conseguente interessante risparmio economico di gestione.

 

Sound Consolle e Rubinetteria Morris by Devon&Devon

Sound Consolle e Rubinetteria Morris by Devon&Devon
(In the photo: Sound consolle, Coventry tap, Gatsby mirror, Twinkle lamps, Corolla wallpaper)

Tra le novità del prossimo Salone proposte da Devon&Devon mi hanno particolarmente colpito la Consolle Sound e la Rubinetteria Morris. Entrambi di una eleganza e di design ricercato…

il fascino di oggetti senza tempo!

 


(In the photo: Sound consolle, Coventry tap, Gatsby mirror, Twinkle lamps, Corolla wallpaper)

Una consolle lavabo dal design classico, Sound unisce la particolare leggerezza della struttura metallica a materiali pregiati e dimensioni compatte, caratteristiche che ne fanno un pezzo squisitamente versatile. Sound ha un piano in marmo grigio grafite e parte superiore, con lavabo ovale, Babylon Ceramic, in ceramica bianca; le gambe sono affusolate e decorate con elementi in ottone tornito, con finitura in nichel lucido. Un pratico ripiano completa la console. Disponibile anche nelle finiture cromo e oro pallido.

Dimensioni: cm 60x52x95h


(In the photo bath shower mixer – wall mounted Black Morris)

La nuova rubinetteria Morris, dal Design ricercato unito a richiami anni ’40, rendono Morris immediatamente riconoscibile e d’impatto. Particolare attenzione è dedicata al disegno delle manopole, elemento caratterizzante della collezione: forma cilindrica e svasata, retrò e contemporanea. Il contrasto cromatico tra il corpo metallico, realizzabile nelle nuove finiture nickel nero, oro rosa e bronzo, e la ceramica bianca, o nera, delle manopole, esprimono un’estetica eclettica e al tempo stesso rigorosa.

Rubinetteria Morris by Devon&Devon

La gamma si compone di: rubinetto tre fori e monoforo per lavabo e bidet, gruppo vasca a muro, gruppo vasca da bordo vasca e gambe a terra, bocca erogazione, rubinetto d’arresto e deviatore con manetta in porcellana da incasso.

Finiture disponibili: cromo, oro chiaro, nickel lucido, nickel nero, oro rosa e bronzo.

http://www.devon-devon.com/

Fonte:

Sound Consolle e Rubinetteria Morris by Devon&Devon

Arredamento per interni di un abitazione

Arredamento per interni di un abitazione

Arredare l’interno di un abitazione. Facile? Difficile? Occorre seguire le tendenze o scegliere secondo i gusti? Le due cose possono andare assieme.

Design e Arredamento d’Interni

Quanto conta il design e quindi le idee all’interno dell’arredamento di interni? Contano molto in realtà se si intende avere un abitazione che non sia uguale o molto simile a quella di altre persone.

Attenzione ai particolari quando si parla di arredamento interni.

Tale attenzione può essere rivolta a:

– Singoli elementi di design

– Singoli elementi quali mobili e oggetti decorativi

– Ai colori (i suggerimenti migliori per i diversi anni arrivano dalle Palette Pantone)

– Alle forme

– Alle strutture delle stanze

– Allo stile dell’abitazione

Quando si decide di rinnovare una stanza, o in generale tutta la casa, è importante osservare i singoli elementi che si intendono sostituire e/o rinnovare e pensare allo spazio complessivo, ai colori, anche osservando le tendenze cromatiche ad esempio, alla struttura dove verranno collocati i nuovi mobili.

E’ necessario avere una visione d’insieme, non basta sostituire una mensola con un mobile a due-tre piani, perché quest’ultimo potrebbe essere totalmente inadatto allo stile della casa.

Per fare un esempio.

Mettiamo il caso che la vostra abitazione sia un vecchio casale, lo stile sarà certamente rustico e in tale stile esterno internamente non possono trovare collocazione mobili in stile minimale e moderno perché il conflitto tra i due è palese.

Arriviamo quindi al secondo aspetto, quello delle tendenze e degli stili.

Le nuove tendenze e gli stili

Le tendenze che si affacciano in ogni anno sul mercato non sono adatte a tutte le strutture e a tutti gli stili.

Presa coscienza di questa verità qualche formula per adattare un oggetto di design o un mobile di design all’interno di ambienti lontani dallo stile a cui quell’oggetto si rifà è possibile, ma con qualche accorgimento.

Innanzitutto non deve mancare la visione complessiva, gli spazi sono anche divisibili e non solo materialmente, quindi se si intende posizionare un mobile che non ha nulla a che fare con lo stile di una stanza, si può fare in modo di rinnovare un angolo della stessa.

Come fare questo?

Ad esempio con le luci ma non solo. Un ambiente deve avere mille sfaccettature, altrimenti rischia di apparire poco curato e piatto, per cui poco vivibile, non è un caso che oggi l’architettura e i designer di interni volgano lo sguardo alla ricercatezza, alle luci, al sole, a elementi interni che guardino all’ambiente naturale etc…

Tutto ciò contribuisce anche a poter inserire elementi apparentemente lontani da uno stile ma che se messi in evidenza nel migliore dei modi tenendo conto dei diversi aspetti, possono non solo risultare perfettamente integrati ma anche segnalare un tocco di gusto e di design particolare nel e del luogo stesso.

Come scegliere i mobili

La scelta dei mobili, sia se dovete rinnovare un appartamento sia qualora doveste collocare questi complementi in una casa nuova, deve anch’essa tener conto del quadro generale, dello stile, degli spazi architettonici, dello spazio di deambulazione per le persone e certo anche del vostro gusto personale.

BLoft giunge alla nona edizione!

BLoft giunge alla nona edizione!

Evento Fuorisalone / Lovely WasteVia Spalato 11, Milano – 17 / 22 aprile 2018 orario 10.00 / 22.00


BLoft giunge alla nona edizione! Un nuovo concept espositivo disposto in una gallery di 2,5×12 metri ed inserito in Lovely Waste (evento curato da Source – dedicato all’economia circolare – nel bellissimo centro culturale gestito da ZONA K ed all’interno di Isola Design District).


Bloft, progetto ideato e diretto da Gumdesign, si configura quale rappresentazione scenica di uno spazio abitativo attraverso l’esposizione e la combinazione di oggetti che dialogano tra loro in un incrocio di esperienze, emozioni e racconti di vita; per questa nona esposizione una vera e propria galleria ambientata dove complementi d’arredo interagiscono con oggetti multiformi, tutti accomunati da una forte ricerca sui materiali e le loro lavorazioni con l’obiettivo di raccontare una “storia d’Italia”, una storia “minore” fatta da piccole rappresentazioni solide prodotte da artigiani sensibili, ricchi di esperienza produttiva (handmade e digitali). Vi aspettiamo per illustrarvi le collezioni presentate da sedici protagonisti del circuito BLoft; un circuito che ha raggiunto oltre 50 realtà tra architetti, designer, artisti, artigiani ed aziende: Aarch-Mi, Marco Barazzuoli, Luca Binaglia, BoleFloor/Hallucinated Balloons, Camilla Brunelli, Maurizio Casini, Coevo, De+art, Dialetto Design, Gumdesign, Indastria Design + La Tos, Isabeau, Minrl, Roberto Monte, Gianluca Sgalippa, Nicola Tessari.  Un collettivo che si rivolge a professionisti, showroom, clienti finali e che costituisce una task force pronta a risolvere qualsiasi richiesta per la casa, l’ufficio, la ricettività.

Gumdesign: Viareggio

BLoft è un collettore di energie creative e produttive, in continua crescita, che ha l’obiettivo di fornire soluzioni “a catalogo” o “su misura” utilizzando risorse produttive Made in Italy; i materiali (marmo, legno, vetro, ceramica, metallo, corian…), le tecnologie produttive (dall’alto artigianato alle macchine a controllo numerico), le tipologie dei prodotti (lampade, tavoli, oggetti e complementi d’arredo fino ad arrivare al gioiello) e la creatività di 48 architetti, designer, grafici permettono risposte puntuali a richieste specifiche. BLoft utilizza la strategia comunicativa del “temporary store” applicato a diversi contesti ed ambienti: dalla galleria d’arte allo spazio fieristico, dal palazzo storico al loft contemporaneo e si riproduce con contenuti sempre diversi grazie alla grande varietà dei prodotti presenti nel circuito. Si è visto finora a Milano, Riccione, Venezia, Vicenza, Roma, Napoli, Bergamo ed inserito sempre nei circuiti ufficiali di grandi manifestazioni (dal Salone del Mobile di Milano alla Biennale di Architettura di Venezia, dal Palazzo delle Arti di Napoli alla Fiera dell’Oro di Vicenza).
A breve il sito www.bloft.it sarà online con numerose sezioni che illustreranno il progetto espositivo ed imprenditoriale, lo store on line e le schede degli artigiani, delle aziende e dei designer; una realtà unica nel panorama internazionale, pronta a creare energie progettuali mirate e concrete.

Marco Barazzuoli: Monteriggioni

(Scusatemi se metto solo alcune immagini dei numerosi partecipanti…)

Luca Binaglia: Perugiae e Lucio Curcio: Agropoli

 

BoleFloor: Estonia

BLoft è un progetto culturale ed imprenditoriale in progress che prevede la selezione e l’inserimento nel circuito di realtà artigianali/imprenditoriali e di designer/autoproduttori legati all’alta qualità progettuale e produttiva.  Info Partecipazione e Selezione -> info@bloft.it

 

 

 

Fonte: BLoft giunge alla nona edizione!

Feng Shui: l’arte di arredare un ambiente in armonia con la natura che ci circonda

Feng Shui: l’arte di arredare un ambiente in armonia con la natura che ci circonda

Il Feng Shui autentico è un’antica arte e disciplina proveniente dalla Cina imperiale, le cui origini si possono far risalire a prima del 2000 a.C. L’uomo viveva in un contesto molto diverso da quello attuale, quasi sempre con un maggiore contatto con la natura.

In natura, un animale sa istintivamente quale luogo scegliere per la tana e come costruirla (pensa ad esempio a una volpe), oppure quale luogo scegliere per sostare e riposarsi (ad esempio il lupo o il cane). Noi, invece, al giorno d’oggi abbiamo perso la connessione con le nostre radici e spesso non abbiamo idee chiare in merito a che cosa vorremmo, alle nostre scelte nell’abitare ed alle nostre scelte nella vita. Nella nostra cultura è normale pensare che l’ambiente non abbia alcuna influenza su di noi, sulla nostra attività e sulla nostra resa; ma negli ultimi anni anche la scienza ha dimostrato che non è così: gli ambienti che viviamo e utilizziamo ci influenzano pesantemente (circa il 33%).

Ad esempio, negli uffici dipinti di rosso intenso il livello di tensione e scontro tra i dipendenti è sempre significativamente più alto;in un ufficio, rispetto alla porta d’ingresso, alcune posizioni della scrivania rendono il lavoro più difficoltoso e impegnativo; in casa, grandi specchi in camera che riflettono il letto matrimoniale possono favorire la nascita di relazioni extraconiugali (l’informazione che rimandiamo al nostro istinto è quella di “doppia coppia”!). Ma il Feng Shui non riguarda solamente la scelta del colore o il posizionamento degli specchi! Sostanzialmente, si può definire il Feng Shui come l’arte e la tecnica di progettare e costruire ambienti adatti a noi, protettivi, favorevoli allo sviluppo ed alla realizzazione dei nostri obiettivi. Questa impostazione è tuttora mantenuta nel Feng Shui tradizionale cinese.

Non è sempre possibile consultare un esperto di Feng Shui autentico, e del resto nel passaggio da Oriente a Occidente il Feng Shui ha finito per trasformarsi molto, per essere spesso ridotto a una tecnica di arredamento e/o scelta dei colori. Naturalmente ci si può limitare anche a questo, ma il Feng Shui ha molto di più da offrire, considerando anche che nell’analisi di una proprietà o un appartamento vengono tenuti in massima considerazione anche gli esterni dell’edificio.

Inoltre è possibile applicare il Feng Shui al proprio lavoro.

Per un dipendente bisogna esaminare solamente il posto di lavoro. Per un libero professionista, una partita Iva o un amministratore importante è necessario esaminare il posto di lavoro e anche l’abitazione.

Venendo ai consigli più pratici, per le attività aperte al pubblico (negozi, eccetera) è molto importante controllare la situazione dell’ingresso principale: deve essere ben visibile, pulito, non ostruito, e possibilmente accogliente e protetto (per esempio da una cappottina). La posizione della cassa deve essere ben visibile ma non esattamente frontale all’ingresso, soprattutto se gli spazi sono piccoli. La cassa non dovrebbe mai dare le spalle al cliente, perché il nostro istinto è quello di proteggerla ma in questa posizione siamo nelle peggiori condizioni per farlo.

Per quanto riguarda invece il lavoro in ufficio, è importante prima di tutto che ognuno abbia uno spazio sufficientemente ampio. Il posizionamento ideale di una scrivania, per le persone che devono ricevere il pubblico, trattare affari, prendere accordi, eccetera è: avere alle spalle un muro oppure un arredo solido e guardare la porta d’ingresso dell’ufficio. Se alle spalle abbiamo una finestra con passaggio di persone, è preferibile inserire una tenda spessa. Una grande finestra ai piani alti, invece, non dà questo problema. Tuttavia, la finestra non dovrebbe arrivare a filo del pavimento ma avere un bordo di almeno 20 cm.

Per le attività di routine, come contabilità, conteggi, registrazioni, eccetera, invece, non è così importante guardare verso la porta d’ingresso. La scrivania può anche essere appoggiata contro il muro. In ogni caso, è sempre preferibile evitare di avere la porta d’ingresso direttamente alle spalle.

In un ufficio condiviso da più persone è preferibile se le scrivanie vengono posizionate guardando un centro comune. Bisogna evitare di posizionare scrivanie “in fila”, a meno che non si svolgano compiti estremamente ripetitivi.

Nell’applicare il Feng Shui ad una casa, invece, si ha una certa libertà d’azione.

Anche se abbiamo già acquistato l’arredamento, abbastanza spesso è possibile modificare la posizione degli arredi. Si possono utilizzare gli arredi per creare ambienti separati (ad esempio, una libreria a giorno può essere utile separare la sala dall’ingresso).

Se i colori sono troppo forti e gli arredi troppo lineari e lucidi, è possibile inserire tende morbide con toni opachi, cuscini, sedie imbottite, tappeti, poltrone… per “ammorbidire” la sensazione dello spazio. Infine, in alcuni casi è anche possibile scambiare stanza se necessario (questo succede più spesso con le camere da letto).

Se il colore del pavimento è troppo chiaro o lucido, si possono inserire tappeti o passatoie.

Arredi troppo scuri e pesanti possono essere compensati, in certi casi, pitturando il muro con colori chiari e freschi. Se si parla di un’abitazione all’interno di una piccola proprietà, in certi casi si può scambiare la porta d’ingresso principale con una porta di servizio, se ritenuta migliore. Tutte queste sono possibilità per intervenire, spesso con un costo molto basso, anche se abbiamo già acquistato tutto l’arredamento.

Il progetto su misura che piace all’ufficio

Il progetto su misura che piace all’ufficio

L’arredamento per ufficio ideale è l’arredo su misura. Un arredo studiato in base ai gusti, le esigenze e le personalità di chi quell’ufficio dovrà viverlo nella quotidianità. Perché un ufficio ben arredato e strutturato può diventare lo strumento per fa crescere il processo creativo e produttivo di ciascun lavoratore, alimentando motivazione, azioni, creatività e anche emozioni positive.

Ma come si realizza un arredamento su misura? In primis bisogna affidarsi a un fornitore serio di mobili per ufficio, a un produttore di arredi capace di seguire il proprio cliente dalla progettazione agli allestimenti, prendendosi in carico ogni passaggio dei lavori.

Per arrivare a disegnare un progetto di ufficio “ideale” sono tre i pilastri su cui tutto l’iter deve poggiarsi: semplicità, polifunzionalità e flessibilità. Quindi semplicità del progetto, spazi in grado di unire lavoro, incontro e relax e arredi per ufficio flessibili e funzionali. Il tutto coniugato con l’attenzione al design, ai dettagli e alla qualità dei materiali utilizzati. E solo chi produce direttamente mobili per ufficio, avendo alle spalle anni di esperienza e al suo interno un team specializzato, può garantire un risultato all’altezza delle aspettative.

L’arredamento per ufficio non è più solo forma ma diventa così anche sostanza e mai come oggi, una sostanza che diventa anima. Prestare attenzione a tutti questi aspetti significa infatti curare il personal branding dell’azienda/cliente stesso perché solo in questo modo l’ufficio può diventare espressione e anima di quella realtà.  Un ufficio quindi che diventa una sorta di abito in grado di presentare chi vive lo spazio lavorativo, sia che si tratti di un ufficio direzionale, presidenziale o operativo.

Cosa non deve mancare nel progetto per un arredamento per ufficio su misura

In ogni progetto batte il cuore dell’ufficio che sarà: si delineano le forme, i colori, gli spazi e le geometrie dei vari arredi. Quando si progetto lo spazio lavorativo devono essere prese in considerazione tutte le possibilità, dalle pareti ai pavimenti, passando soprattutto per lo stile, l’acustica, la funzionalità, l’illuminazione e i materiali utilizzati. Tutto deve essere pensato e progettato, consapevoli che i punti fondamentali da non dimenticare sono i seguenti: 

  • comprendere le esigenze del cliente;
  • sviluppare il progetto in sinergia con il committente e con lo studio di architettura incaricato del progetto;
  • scegliere fornitori adeguati e seguire il cantiere dall’inizio alla fine;
  • il servizio post vendita.

La scelta del fornitore è fondamentale. Un fornitore in grado di fornire un progetto chiavi in mano e in primis produttore degli arredi con l’obiettivo di creare spazi armoniosi ed empatici, funzionali ed efficienti. Gli oggetti che realizziamo devono dialogare tra loro e con l’ambiente nel quale vengono inseriti. Sedute, tavoli, divani, ma anche pannelli fonoassorbenti, oltre che accessori, devono essere progettati all’interno di un sistema coerente in cui gli oggetti lavorano in sinergia, per identificare lo spazio».

Dispatchwork: la rigenerazione urbana con mattoncini colorati

Dispatchwork: la rigenerazione urbana con mattoncini colorati

  • scritto da Lorenza Bisbano
  • categoria Curiosità ecosostenibili

Jan Vormann, artista Berlinese, da 10 anni gira il mondo armato di mattoncini Lego con l’intento di contribuire alla rigenerazione urbana per riqualificare angoli di città e colmare le crepe dei muri e ravvivare il grigio della città moderne utilizzando colori che tutti associano ai giochi dell’infanzia.

L’idea, che sta facendo il giro del mondo, è nata durante un viaggio in Italia. Le crepe nei muri del borgo medievale di Bocchignano in provincia di Rieti hanno ispirato per la prima volta l’artista. Dal 2007 fino ad oggi Jan Vormann ha invaso con i suoi mattoncini colorati almeno 27 nazioni.  

dispatchwork mattoncini bocchignano

L’obiettivo del progetto Dispatchwork

L’obiettivo del progetto di street art Distatchwork non è sicuramente quella di sconfiggere definitivamente il deterioramento dei muri. Infatti nel momento in cui si debba procedere con un lavoro di restauro tradizionale i mattoncini possono essere facilmente staccati dalla loro localizzazione temporanea per tornare a far parte della scatola dei giochi e successivamente essere riutilizzati per il prossimo dispatchwork.

Si tratta di un progetto artistico con una vena satirica che riguarda la comunità. L’intento dell’artista è infatti quello di sottolineare le tante occasioni di essere creativi che si possono trovare all’interno della seriosità del nostro paesaggio da sottoporre ad un intervento di rigenerazione urbana. E così il vecchio ed il nuovo si accostano, il grigio ed il colorato. Le crepe sono riempite e valorizzate con il colore.

Questo concetto ricorda quello che sta alla base dell’arte giapponese del kintsugi dove i vasi rotti, una volta riparati con l’oro, guadagnano in bellezza e valore. Nel caso delle città moderne la bellezza è vista in chiave sociale ed è data dal senso di stupore che possono provare i passanti nell’incontrare i mattoncini colorati con i quali giocavano da bambini all’interno delle crepe di manufatti che in alternativa sarebbero passati inosservati.

Changsha, Cina. L’autore della foto spiega di aver aggiustato da solo e di sua iniziativa il gradino danneggiato che si trovava in un parco vicino a casa sua, e spiega di come abbia attratto la curiosità di molte persone mentre compiva la sua opera di street art.

Mattoncini colorati: la collaborazione dei cittadini

Dispatckwork è definito come un gioco a più giocatori che si svolge in tutti i luoghi pubblici del mondo. Risveglia i ricordi infantili fatti di forme astratte e colori vividi attraverso la collaborazione globale di persone tra di loro sconosciute.

Sebbene con un po’ di fortuna sia ancora possibile avvistare lo stesso Jan Vormann in giro per le città con i suoi mattoncini Lego colorati, l’artista ha chiesto aiuto a tutti i cittadini del mondo. Tutti sono invitati ad uscire di casa, recarsi nei luoghi pubblici armati di lego, restaurare col colore il vecchio muro e inviare la foto indicando la località in cui è stata scattata utilizzando il sito internet del progetto di rigenerazione urbana Dispatchwork.

La richiesta dell’artista ha avuto un riscontro globale, la mappa con la geolocalizzazione delle opere di street art si sta riempiendo sempre di più, le foto e le didascalie raccontano, tra le altre cose, di persone che nonostante abbiano preso l’iniziativa da soli si sono accorti di attrarre curiosi, o di associazioni culturali cha hanno organizzato gruppi di lavoro per ricolorare muri storici delle città compiendo un atto di rigenerazione urbana.

 La mappatura delle foto inserite sul sito Dispatchwork.infoLa mappatura delle foto inserite sul sito Dispatchwork.info

 I mattoncini del dispatchwork possono essere riutilizzati dai bambini per giocareI mattoncini del dispatchwork possono essere riutilizzati dai bambini per giocare

e-max.it: your social media marketing partner
  • pubblicato Mer 31 Gennaio 2018
  • crediti fotografie © www.dispatchwork.info
Lorenza Bisbano

Lorenza Bisbano

Creativa e curiosa, durante la stesura della sua tesi di laurea riscopre il piacere e la forza della scrittura per la diffusione di informazioni ed idee. Viaggiatrice, esplorando il mondo coniuga la sua passione per l’architettura con la scoperta di nuove culture. 

Fonte: Dispatchwork: la rigenerazione urbana con mattoncini colorati

Stampa 3D con plastica riciclata: una panchina per Amsterdam

Stampa 3D con plastica riciclata: una panchina per Amsterdam

  • scritto da Silvia Corgiolu
  • categoria Plastica

Print Your City! è un progetto nato dall’idea di Foteini Setaki e Panos Sakkas, i due architetti di The New Raw, uno studio con sede a Rotterdam che si occupa di ricerca e design. In particolare, fin dall’inizio, le attività di sperimentazione dello studio si sono focalizzate sul riciclo della plastica attraverso l’utilizzo della stampa 3D. Questa tecnologia consente di chiudere il ciclo del materiale con un sistema di riciclaggio breve e semplice e con zero produzione di ulteriori rifiuti.

La plastica è progettata per durare praticamente per sempre, eppure la maggior parte degli oggetti realizzati con questo materiale viene utilizzata per poco tempo e poi buttata via (bottiglie, bicchieri, buste della spesa…). È lo stile di vita delle città che ha incrementato l’uso di imballaggi monouso e la produzione costante di rifiuti: il 25% dei rifiuti urbani contiene plastica e solo ad Amsterdam i residenti generano in media 23 kg di rifiuti di plastica all’anno per persona. Praticamente ogni giorno buttiamo nel cestino oggetti che potenzialmente avrebbero un ciclo di vita lunghissimo e che noi sfruttiamo al minimo.

Da qui nasce il progetto di The New Raw: dare nuova forma a un materiale con incredibili potenzialità realizzando prodotti che dalla piccola scala possano creare meccanismi virtuosi a livelli più ampi. Valorizzando lo spazio pubblico, per esempio.

La prima panchina in plastica riciclata stampata 3D

La prima panchina stampa 3D con plastica riciclata con Print your City

È così che ha avuto origine Print Your City!, un progetto che esplora gli utilizzi della plastica riciclata applicati alla stampa 3D. Un modo di ridisegnare l’ambiente urbano che parte dal piccolo. Più precisamente, da un panchina.

La prima è stata realizzata ad Amsterdam, si chiama XXX, è ottenuta principalmente dal riciclo di buste di plastica e pesa 53 kg: più o meno la quantità di plastica prodotta ogni anno da una coppia di cittadini di Amsterdam. Potenzialmente ogni cittadino potrebbe realizzare la propria panchina iniziando a raccogliere la plastica da lui stesso prodotta quotidianamente.

Il messaggio è forte e chiaro, tutti dovrebbero avere più consapevolezza di ciò che producono.

Leggi anche del primo palazzo stampato in 3D ad Amsterdam.

Con Print your city nasce la panchina di plastica ottenuta da rifiuti

La prima panchina in plastica riciclata è stata ottenuta da buste di plastica

La stampa 3D con plastica riciclata

La plastica è un materiale presente in grossissime quantità che può essere riciclato e riutilizzato più volte. Unito alla tecnologia della stampa 3D può dare il via a una produzione che unisca effettivamente l’utile al dilettevole: da un lato la praticità di un meccanismo che favorisce la riproduzione modulare e dall’altro la versatilità che lascia campo a creative personalizzazioni.

Il processo di riciclo è grosso modo questo: prima di tutto si raccoglie il materiale, lo si tritura riducendolo in pezzi, questi vengono lavati e sono pronti per essere inseriti nella stampante. Quello che si ottiene è un panchina dalla forma accattivante, lunga 150 cm e alta 80 cm che può ospitare fino a quattro persone ed è al 100% riciclabile. Infatti, quando poi dovesse usurarsi o rompersi verrà semplicemente ridotta nuovamente in pezzi, pronta per alimentare ancora una volta la stampante. La metafora che si vuole richiamare è quella di un’economia circolare in cui anche gli scarti possono ricreare bellezza e valore.

Il processo di stampa 3d per produrre la panchina in plastica riciclata

Una curiosità: proprio per la sua forma caratteristica, la panchina si comporta come un dondolo. Sostanzialmente per rimanere in equilibrio su di essa c’è bisogno di una collaborazione tra le parti, consapevolezza del proprio peso, coordinazione.

Visto tutto il progetto che c’è dietro, non sembra proprio una casualità.

Print Your City! è un progetto di ricerca avviato da The New Raw. È stato avviato nel 2016 in collaborazione con Aectual e 3D Printing in the Circular City (progetto Stimulus di Circular City Program dell’AMS Institute) e supportato dalla Technical University di Delft e da AEB Amsterdam.

e-max.it: your social media marketing partner
  • pubblicato Gio 25 Gennaio 2018
  • crediti fotografie © The New Raw
Silvia Corgiolu

Fonte: Stampa 3D con plastica riciclata: una panchina per Amsterdam

Solar Squred: il fotovoltaico integrato in facciata

Solar Squred: il fotovoltaico integrato in facciata

  • scritto da Erika Guolo
  • categoria Energie rinnovabili

Solar Squared è il progetto di ricerca che ha previsto l’utilizzo di un particolare prototipo di mattone in vetrocemento con celle fotovoltaiche integrate da usare in facciata.

I pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica sono sempre più diffusi nei nuovi edifici e nelle ristrutturazioni poiché, producendo energia pulita dal sole, aumentano la sostenibilità e quindi il valore dell’immobile su cui sono installati. I pannelli fotovoltaici vengono installati principalmente sulle coperture, per via delle performance e la scarsa visibilità dalla strada.

Non è così scontato l’utilizzo in facciata, nonostante si stia investendo molto sui sistemi BIPV (Building Integrated Photovoltaic System) per l’integrazione architettonica: è il caso di Solar Squared, progetto di ricerca sviluppato dal College of Engineering, Mathematics and Physical Sciences dell’University of Exter nel Regno Unito e dalla start up Build Solar.

Il progetto ha previsto la realizzazione di mattoni in vetrocemento trasparenti con celle fotovoltaiche integrate. Ogni mattone è dotato di una griglia di elementi ottici in grado di concentrare i raggi solari e dirigerli alle celle fotovoltaiche per la produzione di energia.

Solar Squared, adatto per l’integrazione in edifici ad energia quasi zero, ha cercato di migliorare una tecnologia esistente, ma che presenta ancora alcuni limiti importanti (costi, durata, manutenzione e smaltimento), utilizzando un materiale da costruzione come il vetrocemento già presente da molti anni nel mercato, resistente, modulare e versatile, avendo infatti buone caratteristiche portanti ed allo stesso tempo è in grado di far passare la luce naturale negli ambienti interni.

Il prototipo di SOlar Squared ha inoltre migliorato la capacità di isolamento, ottenendo valori inferiori a 2 W/mqK per moduli con doppia camera d’aria e quattro pannelli di vetro e 1,6 W/mqK per moduli con tre camere d’aria e sei pannelli di vetro. Il risultato finale è un prodotto completamente sostenibile: un  migliore isolamento termico rispetto ad una parete in vetro normale e la riduzione delle spese di manutenzione grazie alla produzione di energia.

e-max.it: your social media marketing partner
  • pubblicato Mer 17 Gennaio 2018
Erika Guolo

Erika Guolo

Appassionata di disegno e di storia fin da piccola, nel tempo libero visita ville, chiese, castelli e tutto ciò che riguarda la crescita e l’evoluzione del paese in cui vive. La lettura è il suo passatempo preferito, che occupa ogni minuto libero delle sue giornate. 

Fonte: Solar Squred: il fotovoltaico integrato in facciata